Kenzia

 


Colore dei fiori: piccoli, erde-marrone

Terreno: Normale, sciolto

Esposizione: Luce

voto 4,5 media su 2 voti

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Kingdom
Plantae
Subkingdom
Viridiplantae
Infrakingdom
Streptophyta
Superdivision
Embryophyta
Division
Tracheophyta
Subdivision
Spermatophytina
Class
Magnoliopsida
Superorder
Lilianae
Order
Arecales
Family
Arecaceae
Genus
Howea
L' Howea, notoriamente conosciuta con il nome di Kentia, è tra le piante più presenti nelle nostre case, sia per sua elegante bellezza, sia per la semplicità di coltivazione. L'Howea appartiene alla famiglia delle Arecacea ed un tempo veniva comunemente chiamata Palma. Esistono solo due specie in questo genere: Howea forsteriana e Howea belmoreana. Le caratteristiche sono del tutto simili: tutte e due hanno un unico fusto da cui partono delle fronde suddivise in foglie più piccole (larghe circa 5 cm e lunghe circa 70) ed entrambe hanno un crescita molto lenta anche se possono raggiungere i 3 metri di altezza. Ci vogliono molti anni perchè raggiungano le dimensioni di palma adulta. Sono piante che stanno molto a loro agio in casa. Infatti tollerano molto bene sia gli ambienti poco luminosi che un clima caldo secco (tipico del periodo invernale quando in casa c'è il riscaldamento acceso).L'infiorescenza è rara e quando compare, è una spiga di forma cilindrica. Al suo interno, in apposite cavità, si trovano i fiori.
La Kentia non si pota. Vanno semplicemente tolte le foglie che eventualmente si seccano. Assicuratevi che l'attrezzo che usate per il taglio delle foglie ingiallite sia pulito e disinfettato per evitare di infettare i tessuti. Fate molta attenzione quando tagliate le foglie a non rovinare l'unico fusto. Se viene reciso l'apice terminale, la pianta potrebbe non crescere o addirittura morire.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
La Kentia si moltiplica per seme (da fine febbraio fino all'inizio di aprile) anche se questa è una pratica che a livello domestico è di difficile attuazione. Sistemare i semi ad una profondità di 2 cm circa . Si utilizza un terriccio di torba e due parti di sabbia grossolana.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Il rinvaso si effettua ogni anni in primavera se la pianta è giovane, se la pianta è troppo grande , si cambia solo lo strato superficiale di terra portando via 2 o 3 cm di terreno.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
La Kentia va annaffiata spesso in estate, ma non sopporta l'eccesso d'acqua e i ristagni idrici. Durante la stagione calda è preferibile vaporizzare acqua tiepida in modo da mantenere un certo tenore di umidità. Durante l'inverno si potrà annaffiare una volta ogni 15 giorni ed è sufficiente tenere il terriccio umido.