Dracaena braunii


Terreno: soffice, discretamente umido

Esposizione: Luce non sole

voto 5,0 media su 1 voti

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Kingdom
Plantae
Subkingdom
Viridiplantae
Infrakingdom
Streptophyta
Superdivision
Embryophyta
Division
Tracheophyta
Subdivision
Spermatophytina
Class
Magnoliopsida
Superorder
Lilianae
Order
Asparagales
Family
Asparagaceae
Genus
Dracaena
Questa pianta appartiene alla famiglia delle Ruscaceae, ed è originaria dell'Asia e dell' Africa tropicale. E' molto nota da noie quindi presente nelle nostre case per due semplici motivi: la sua bellezza e la sua longevità oltre che semplicità nella coltivazione.
La dracena essendo una pianta originaria dei climi caldi non ama il freddo. Sotto i 15°C la pianta inizia a soffrire. Questa pianta vive bene in ambienti umidi e caldi a temperature vicine ai 25°C. Solitamente viene tenuta in casa. Necessita di molta luce ma non ama il sole diretto. Nelle regioni a clima temperato le dracena possono essere tenute all'aperto tutto l'anno lontano. L'importante è tenerle al riparo dalle correnti d'aria. Per pulire le foglie utilizzate semplicemente un panno umido. La dracena si rinvasa in genere in primavera, circa ogni due anni. E' una pianta a che cresce rapidamente e le sue radici richiedono spazio. Si usa un terreno torboso per facilitare il drenaggio.
Le Dracaena, anche se molto raramente fioriscono quando sono coltivate in vaso, sono apprezzate per la piacevolezza delle loro foglie e per i loro fiori bianco-panna che sbocciano nel periodo estivo.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Come la maggior parte delle piante anche la dracena richiede un terriccio costantemente umido ma senza ristagni d'acqua. Pertanto durante il periodo primaverile - estivo, va annaffiata spesso. Dato che è originaria delle foreste tropicali africane, ama gli ambienti umidi ed ha necessità di quotidiane nebulizzazioni sulle foglie. Al contrario, nella stagione fredda, a partire dall'autunno fino alla fine dell'inverno, si annaffia giusto per mantenere umido il terriccio.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
La dracena si può moltiplicare per talee apicali del fusto. Dalla pianta principale, durante il periodo primaverile, si preleva da un ramo laterale una porzione di fusto lungo almeno 10 cm. Vanno tolte tutte le foglie vecchie. Si pianta la talea in un terriccio per semi a base di torba e sabbia e la si protegge sotto un sacchetto di plastica. Giornalmente aprite l'involucro di plastica e controllate il grado di umidità del terriccio. Dovrà essere sempre umido. Se sulla plastica si forma troppa condensa, eliminatela. Quando inizieranno a comparire le nuove foglie vorrà dire che la dracena ha radicato. A quel punto si toglie l'involucro di plastica e si coltiva la piantina come una pianta adulta, trapiantandola in un vaso più grande.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Dall'inizio di aprile fino a tutto agosto, la dracena va concimata tutte le settimane con un concime liquido (azoto e potassio) somministrato assieme all'acqua di irrigazione. Sia durante il periodo autunnale, che in inverno, è opportuno sospendere le concimazioni.