Chamaedorea


Colore dei fiori: giallo, rosso

Terreno: umifero, concimato, torboso

Esposizione: luce diffusa

voto 5,0 media su 1 voti

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Kingdom
Plantae
Subkingdom
Viridiplantae
Infrakingdom
Streptophyta
Superdivision
Embryophyta
Division
Tracheophyta
Subdivision
Spermatophytina
Class
Magnoliopsida
Superorder
Lilianae
Order
Arecales
Family
Arecaceae
Genus
Chamaedorea
E' un genere di piante della famiglia delle Arecaceae (o Palmae). Per il loro sviluppo modesto rispetto alle altre palme vengono chiamate “palme minori”. In origine queste palme formano il sottobosco delle foreste subtropicali umide. Le troviamo nel centro-sud America. La maggior parte delle specie è originaria dal Guatemala e dal Messico. In natura possono raggiungere alcuni metri di altezza: Sono formate da lunghi fusti cilindrici, lisci con all'estremità fronde con lunghe foglie ellittiche dagli estremi appuntiti, sottili, profondamente incise e arcuate di colore verde chiaro quando sono giovani, verde scuro da adulte; le piante adulte producono dei piccoli rami con fiori giallastri. Solo le piante femminili producono grossi frutti arancioni contenenti molti semi .
Alcune specie di Chamaedorea, come la Chamaedorea elegans o "palma della fortuna", vengono coltivate come piante ornamentali. Infatti sono piante bellissime usate per l'arredo di appartamenti e di giardini. Si rinvasa solo quando le radici hanno occupato tutto lo spazio disponibile, nei soggetti più vecchi si rinterra, usando terriccio ricco di humus, ben drenato. Si adatta alla crescita in vaso. Richiede un clima caldo-umido, un'esposizione luminosa (davanti ad una finestra o una vetrata), vuole la luce solare filtrata e non diretta. Teme il gelo. In vaso però difficilmente riesce a fruttificare.
La moltiplicazione può avvenire per seme (ma i semi impiegano alcuni mesi per germogliare).
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
La moltiplicazione per divisione dei cespi, più pratica della moltiplicazione per seme,si effettua quando il fusto non è singolo, avendo cura di scegliere le piante con radici sane e intatte, che andranno rinvasate e tenute a una temperatura di 21°C. Tale pratica si potrà effettuare in primavera alla ripresa vegetativa.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Annaffiature regolari e diradate durante la stagione invernale evitando sempre eccessi e ristagni idrici; nella stagione calda annaffiature più frequenti. Si consiglia di vaporizzare le foglie regolarmente.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Concimare una volta ogni 4 settimane in estate e ogni 3-4 mesi d'inverno. Utilizzare un fertilizzante liquido aggiunto all'acqua delle annaffiature.