Gardenia

con foglie di un verde intenso, lucide e cuoiose ed i suoi fiori bianco-crema straordinariamente profumati


Colore dei fiori: bianco

Terreno: Acido

Esposizione: mezzo sole

voto 5,0 media su 3 voti

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Kingdom
Plantae
Subkingdom
Viridiplantae
Infrakingdom
Streptophyta
Superdivision
Embryophyta
Division
Tracheophyta
Subdivision
Spermatophytina
Class
Magnoliopsida
Superorder
Asteranae
Order
Gentianales
Family
Rubiaceae
Genus
Gardenia
La pianta appartiene alla famiglia delle Rubiaceae, la stessa della pianta del caffè, di cui la più diffusa in Italia è la Gardenia jasminoides. E' una pianta sempreverde arbustiva con foglie per lo più di colore verde intenso, lucide e opposte. I fiori crescono all'ascella delle foglie o all'apice dei rami e sono bianchi (o leggermente screziati), profumati ed in genere singoli. Ama particolarmente la vita all'aria aperta ed in tali condizioni, può crescere sino a 2 m di altezza. In casa ha uno sviluppo più ridotto e difficilmente supera il metro. La gardenia è apprezzata per le sue foglie di un verde molto intenso, lucide e cuoiose e per i suoi fiori bianco-crema straordinariamente profumati che crescono all'ascella delle foglie.
COCCINIGLIA Parassita che si posiziona solitamente sulle foglie più giovani o sulle gemme o sul tronco e crea fumaggini, rendendo spesso la pianta appiccicosa e debilitandola.

ACARI - RAGNETTO ROSSO La presenza degli insetti si manifesta con foglie scolorite e bronzee, presenza di filamenti ragnatelosi sulla pagina inferiore e successiva caduta delle stesse.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Verso gennaio - marzo o nel periodo agosto - settembre si prelevano delle talee, prelevandole dai germogli più robusti, lunghe circa 8 - 10 cm.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
E' necessario usare per le gardenie un concime liquido, opportunamente diluito nell'acqua d'irrigazione. Si raccomanda di concimare ogni 15 gg in primavera-estate e una volta ogni 2 mesi in autunno - inverno. Un consiglio: quando andate a comprare un concime, non prendete il primo che vi capita sotto gli occhi, leggete la composizione sul retro della confezione e preferite i concimi che, oltre agli elementi principali quali azoto (N), fosforo (P), potassio (K), contengano anche i cosiddetti microelementi. Vale a dire quei composti di cui la pianta ha bisogno in minima quantità (ma ne ha pur sempre bisogno) quali ferro (FE), zinco (Zn), manganese (Mn), rame (Cu), boro (B).