Canna Indica

Pianta dall'aspetto spettacolare dai molteplici utilizzi


Colore dei fiori: Rosso, Giallo, Giallo Maculato

Terreno: Leggero

Esposizione: Sole

voto 5,0 media su 2 voti

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Kingdom
Plantae
Subkingdom
Viridiplantae
Infrakingdom
Streptophyta
Superdivision
Embryophyta
Division
Tracheophyta
Subdivision
Spermatophytina
Class
Magnoliopsida
Superorder
Lilianae
Order
Zingiberales
Family
Cannaceae
Genus
Canna
Pianta antichissima. L' origine è del Centro /Sud America. Veniva coltivata in Perù già 4.000 anni fa. Oggi è utilizzata anche nell'industria agro-alimentare. Si usa per estrarre l'amido utilizzato per la panificazione in generale, e, sopratutto per l'industria dei biscotti. La Canna Indica (conosciuta anche come Achira) è una pianta perenne alta fino a tre metri con un bel fogliame di colore verde violaceo. Sulla sommità sbocciano i fiori a grappolo.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Il rinvaso si realizza ogni anno. I tuberi vanno messi a dimora dopo la pausa invernale, usando un buon terriccio ricco di sostanza organica con l'aggiunta di un po' di sabbia per renderlo più soffice.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Nel periodo primavera estate, per stimolare la fiorita, concimare una volta a settimana. Si consiglia di usare un concime ricco soprattutto di fosforo e potassio.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Dalla primavera all'autunno la canna va annaffiata con molta generosità.
g
f
m
a
m
g
l
a
s
o
n
d
Essendo queste piante delle tuberose, all'inizio dell'autunno, si tagliano sia le foglie che i fusti e si recuperano i tuberi dal terreno per farli svernare (la temperatura adatta è a circa 10-12 °C). Dimorarli in uno strato di torba appena umido per evitare che si secchino. Si ripianteranno all'aperto in primavera.